Puoi aprire questo annuncio in una nuova pagina e continuare normalmente la navigazione su statistiche-lotto.it!

×
Review of:

Reviewed by:
Rating:
5
On ">
Last modified:">

Summary:

Roma, abbandona il figlio per giocare alle videolottery

Un padre abbandona il figlio di 3 anni in macchina, al gelo e di notte, per giocare alle slot machines.
La triste storia, legata alla ludopatia, arriva da Ostia, in provincia di Roma. Il bambino ha seriamente rischiato di morire di freddo: in tutta la zona la temperatura di notte è scesa abbondantemente sotto i 0 °C.

Il tempestivo intervento di una pattuglia di carabinieri ha evitato il peggio. I militari hanno prestato il primo soccorso al piccolo, in attesa dell’intervento del 118. Il bambino, dopo esser stato riscaldato, è stato trasportato in ospedale. I medici gli hanno riscontrato un principio di ipotermia ma hanno rassicurato che il bambino ora è in buono stato di salute.

Superata la fase di emergenza della situazione, i carabinieri si sono messia alla ricerca dello “sprovveduto” padre. L’uomo è stato rintracciato attorno alle 4 in una vicina sala slot ed è stato tratto in arresto per abbandono di minore. Il bambino, invece, è stato affidato alle cure della madre.

Il 33enne è stato arrestato per abbandono di minore

L’uomo, un 33enne residente nella capitale ma originario di Vibo Valentia, è stato rintracciato in una sala slot.
I carabinieri lo hanno subito identificato. L’uomo si è giustificato, dichiarando di aver completamente perso il senso del tempo e dello spazio. Dovrà rispondere di abbandono di minore.

(Fonti e Approfondimenti: Facebook – Pagina ufficiale statistiche-lotto.it)

Summary
Article Name
Ludopatia: padre abbandona il figlio di 3 anni per giocare alle slot
Description
Un uomo 33enne, residente nella Capitale, ha abbandonato il figlio di tre anni in macchina, al gelo e di notte, per andare a giocare alle slot. E' stato arrestato dai carabinieri di Ostia.
Author
"/>"/>

Comments

comments

This entry was posted on at and is filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

 
 

Switch to our mobile site