Disattiva Ad Block!

La pubblicità presente su questo sito ci permette di offrirti i suoi contenuti GRATUITAMENTE.



PER FAVORE disabilita AdBlock per questo sito,
GRAZIE! :)


OK
Review of:

Reviewed by:
Rating:
5
On 28 Ottobre 2019
Last modified:28 Ottobre 2019

Summary:

Gli anziani spesso giocano per solitudine.

La solitudine è uno dei principali motivi che spingono gli anziani della città di Potenza verso il gioco d’azzardo.
E’ quanto emerge da un’indagine effettuata dal sindacato dei pensionati Spi Cgil del capoluogo lucano. Ma è molto probabile che il binomio solitudine-gioco d’azzardo riguardi gli anziani di tutta Italia.
Dunque sembra che per gli anziani Gratta&Vinci e lotto siano gli amici con cui condividere momenti da trascorrere nelle ricevitorie e bar. Il rischio, però, è che il gioco porti via gran parte del reddito degli anziani. Ormai sempre più facilmente si possono vedere persone di una certa età tentare la fortuna nelle ricevitorie di tutta Italia.

L’indagine su anziani-gioco del Spi Cgil Potenza

L’indagine del sindacato dei pensionati Spi Cgil di Potenza è avvenuta in collaborazione con il Servizio Dipendenze dell’Asp e con l’associazione “Famiglie fuori gioco“.
Il campione di soggetti su cui si è indagato è stato grande e molto rappresentativo della popolazione potentina. Si tratta di 700 persone di età media pari a 68 anni, quindi quasi tutti in pensione. Di queste, il 24% vive sola. La maggior parte degli intervistati dichiara di non giocare spesso e di non spendere molto. La maggior parte di coloro che giocano con frequenza settimanale sono maschi. La spesa media di quando si entra in ricevitoria si aggira attorno ai 5 euro. Ma il dato che desta preoccupazione è che il 60% degli intervistati dice di aver vinto. Ciò, secondo la ricerca, può essere molto rischioso. La combinazione scarso investimento e alta probabilità di vincita (che sia solo percepita o effettivamente reale) è una incentivazione al gioco.
L’indagine ha confermato un fenomeno abbastanza prevedibile. In genere gli anziani, per ammazzare il tempo, possono vedere in una ricevitoria o bar un punto di incontro per allontanare la solitudine.
Ma il rischio è che questo comportamento possa avere risvolti patologici. Forse conviene a tutti stare più vicino ai agli anziani, e non solo in occasione della ricorrenza della festa dei nonni

(Fonti e approfondimenti: Facebook – Pagina ufficiale statistiche-lotto.it)

Comments

comments

This entry was posted on lunedì, Ottobre 28th, 2019 at 13:48 and is filed under Link Utili, News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.