Brexit rinviata a dopo il 29 marzo 2019, i bookmakers ne sono sicuri

Condividi questa notizia:
Review of:

Reviewed by:
Rating:
4
On 15 Gennaio 2019
Last modified:15 Gennaio 2019

Summary:

Bookmakers, molto probabilmente Brexit rinviata a dopo il 29 marzo 2019

Brexit rinviata, a data da destinarsi e se mai ci sarà. Quasi sicuramente il 29 marzo 2019, data della prima ora, non sarà l’ultimo giorno di permanenza della Gran Bretagna in Europa. E non è nemmeno sicuro che un giorno, nel breve periodo, la Gran Bretagna uscirà definitivamente dall’Europa. Ne sono convinti i bookmakers inglesi, che hanno fatto crollare le quote della Brexit il 29 marzo.
Questo nonostante l’avvertimento, a poche ore dal voto al Parlamento inglese, di Teresa May che mette in guardia da una sempre più probabile bocciatura. Un’eventuale bocciatura, sostenuta al momento da tutta l’opposizione e anche parte della maggioranza, metterebbe a rischio la stessa Brexit, è il monito della May.
Su Skybet il rinvio della Brxit si gioca a 1,25 (la quota di una settimana fa era 1,53). BetVictor alza la quota per la Brexit entro la stessa data, da 2,37 di una settimana fa a 3,75 di oggi.
Nei mesi scorsi, invece, sono crollate le quote dei bookmakers di una eventuale Italexit.

Brexit (quasi) rinviata e ipotesi di un nuovo referendum sempre più lontana

Per i bookmakers inglesi è, comunque, sempre più lontana l’ipotesi di un secondo referendum entro la fine del 2019. Il ritorno alle urne e la vittoria del Remain si gioca a 4,00 (da 2,37 di una settimana fa).
Allo stesso tempo cala però la fiducia in Theresa May: Betfair raddoppia la quota sull’evento che sarà ancora lei a guidare la Gran Bretagna al momento della Brexit (passata da 1,50 a 3,00). Addirittura su Paddy Power, si può scommette sul fatto che entro il 29 marzo si alterneranno due – o anche più – primi ministri a negoziare l’uscita dall’Europa.

(Fonti e approfondimenti: Facebook – Pagina ufficiale statistiche-lotto.it)

Comments

comments

This entry was posted on martedì, Gennaio 15th, 2019 at 16:01 and is filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

 
 

Switch to our mobile site