Review of:

Reviewed by:
Rating:
5
On 7 luglio 2018
Last modified:7 luglio 2018

Summary:

Gianluca Rocchi, arbitro italiano favorito dai bookmaker alla direzione della finale mondiale Russia 2018

Potrebbe esserci anche un pezzo di Italia alla finale Mondiale Russia 2018.
Gli Azzurri, come noto, dopo la clamorosa sconfitta contro la Svezia non hanno preso parte alle fasi finali dei Mondiali di Calcio 2018. Ma a tenere alta la bandiera azzurra potrebbe essere l’arbitro italiano Gianluca Rocchi, favorito dai bookmaker nella scommessa sull’arbitro della gara di Mosca.

Sisal Matchpoint assegna la direzione della finale al fischietto toscano con quota 4,00.
Gianluca Rocchi dovrà, però, battere l’arbitro iraniano Alireza Faghani (pure lui offerto a quota 4,00). Alireza Faghani, che ha diretto ottimamente l’ottavo tra Francia e Argentina, potrebbe avere qualche chance in più, considerando che mai nessun arbitro asiatico ha diretto una finale dei mondiali.
Leggermente meno favorito l’olandese Bjorn Kujpers (arbitro dell’ultima finale di Europa League, 2017-2018), a quota 6,00.
Stessa quota (6,00) per l’uzbeko Ravshan Irmatov, a Russia 2018 convocato per la terza edizione consecutiva. Ravshan Irmatov ha il primato di gare totali dirette nelle fasi finali di un mondiale, ben 11.

Un arbitro italiano per la finale Mondiale Russia 2018? I precedenti illustri

Nel caso Gianluca Rocchi fosse designato alla direzione della finale Mondiale Russia 2018, sarebbe il quarto arbitro italiano nella storia dei Mondiali di Calcio a ricoprire questo delicato ruolo.

I precedenti sono illustri: Sergio Gonella (scomparso proprio pochi giorni fa) fu chiamato a dirigere la finale del 1978.
Nel 2002, anno di una discussa eliminazione della Nazionale Italiana, fu scelto Pierluigi Collina.
Nel 2014 fu la volta di Nicola Rizzoli.

(Fonti e Approfondimenti: Facebook – Pagina ufficiale statistiche-lotto.it)

Comments

comments

This entry was posted on sabato, luglio 7th, 2018 at 14:58 and is filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.