Ad Block!

La pubblicità presente su questo sito ci permette di offrirti i suoi contenuti GRATUITAMENTE.


PER FAVORE disabilita AdBlock per questo sito, GRAZIE! :)

Ok

Camporosso (Imperia), vince al Superenalotto ma non lo sa: appello per ritrovarlo

Condividi questa notizia:
Review of:

Reviewed by:
Rating:
5
On 2 Maggio 2019
Last modified:2 Maggio 2019

Summary:

A Camporosso (Imperia) vincita da 100 mila euro di Pasqua 100 X 100 Superenalotto SuperStar non reclamata.

E’ finita a Camporosso (Imperia) una delle 100 vincite garantite da 100.000€ ciascuna messe in palio per lo speciale concorso Superenalotto SuperStar Pasqua 100 X 100 edizione 2019.
Ma è altamente probabile che il fortunato vincitore della cifra ancora non lo sappia. E forse non lo saprà mai, se ha già buttato il biglietto perché sembrava essere non vincente.
«L’estrazione – avverte Concetta Scappatura, titolare della ricevitoria in cui è stata centrata la vincita – non c’entra nulla con i numeri giocati con la classica schedina del Superenalotto e c’è il rischio che il fortunato vincitore abbia già buttato via la schedina».
Il concorso si basa sul codice della schedina e non sui numeri giocati ed estratti. Per cui, qualcuno che ha perso al SuperEnalotto potrebbe aver gettato la schedina in modo sbadato o senza sapere della successiva estrazione. E chissà che qualcuno non lo ritrovi e riscuota il premio, come successo qualche giorno fa con un Gratta e Vinci da 100.000 euro ritrovato tra i rifiuti a Mola di Bari.

L’appello della ricevitoria di Camporosso: “Portateci le schedine

«Attenzione, portateci a controllare le schedine del Superenalotto del 20 aprile 2019. Uno di voi ha vinto 100mila euro e non lo sa».
Ma la cronaca è piena di vincite non reclamate: eclatante il caso della vincita fa 1,6 MILIARDI di dollari non reclamati al Mega Millions.

(Fonti e approfondimenti: Facebook – Pagina ufficiale statistiche-lotto.it)

Comments

comments

This entry was posted on giovedì, Maggio 2nd, 2019 at 09:18 and is filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

 
 

Switch to our mobile site