Disattiva Ad Block!

La pubblicità presente su questo sito ci permette di offrirti i suoi contenuti GRATUITAMENTE.



PER FAVORE disabilita AdBlock per questo sito,
GRAZIE! :)


OK
Review of:

Reviewed by:
Rating:
5
On 23 Maggio 2020
Last modified:23 Maggio 2020

Summary:

Julio Roque Pérez, il tifoso del Godoy Cruz che vinse alla lotteria argentina e donò tutto alla sua squadra del cuore.

La storia del tifoso Julio Roque Pérez simboleggia l’amore incondizionato per la propria squadra del cuore. L’uomo è morto nei giorni scorsi, a 80 anni, ma la sua storia merita di essere raccontata e ricordata.
Loco” Julio, come era stato ribattezzato, nacque nel 1940 da genitori che aveva conosciuto per pochissimo tempo. Nel 1952 perse anche il nonno, parente più prossimo, che si era occupato di lui dalla nascita. Però, a soli 15 anni, Julio venne baciato dalla Dea Bendata, con una grossa vincita alla lotteria argentina. Nonostante un’infanzia di stenti, Julio non ebbe dubbi su cosa fare di quella grossa cifra: donare tutto, fino all’ultimo centesimo, alla sua squadra del cuore.

Godoy Cruz, la squadra del cuore (Argentina) di Julio Roque Pérez

Sin da bambino Julio Roque Pérez si era innamorato della locale squadra di calcio Godoy Cruz. Con i soldi ricevuti in regalo da Julio, il club argentino aveva potuto costruire una tribuna e installare l’impianto di illuminazione dello stadio “Feliciano Gambarte“.
La squadra lo ricambiò come poté: il viale dove si trova la sede del club porta il suo nome. Il 1° giugno 2016 il club omaggiò “Loco” Julio addirittura con una statua.
Negli ultimi tempi il super tifoso si era ammalato e il club avvio numerose raccolte fondi per pagargli le spese sanitarie.
Semplicemente grazie – è il commosso messaggio del club Godoy Cruz – per l’amore sincero per i nostri colori. Hasta siempre, amato Julio. Ci mancherai“.

(Fonti e approfondimenti: Facebook – Pagina ufficiale statistiche-lotto.it)

Comments

comments

This entry was posted on sabato, Maggio 23rd, 2020 at 16:09 and is filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.