USA, Mega Millions: gli restituiscono il biglietto smarrito e vince 273 milioni

Condividi questa notizia:
Review of:

Reviewed by:
Rating:
5
On 25 Marzo 2019
Last modified:25 Marzo 2019

Summary:

Michael J. Weirsky vince 273 milioni al Mega Millions con il biglietto smarrito

L’incredibile storia arriva da Phillipsburg, negli USA.
Un uomo, disoccupato del New Jersey, acquista un biglietto della Mega Millions Lottery ma dimentica il biglietto sul bancone della ricevitoria. Uno sconosciuto benefattore se ne accorge, prende il biglietto smarrito e lo consegna al gestore della ricevitoria. Il giorno seguente il legittimo proprietario del biglietto ritorna nella ricevitoria e il gestore gli consegna il biglietto acquistato il giorno precedente. Quel biglietto risulterà vincitore di ben 273 milioni di dollari.
Michael J. Weirsky, questo il nome del distratto giocatore, è stato quindi doppiamente fortunato. In primo luogo perché ha vinto una grossa cifra alla lotteria e soprattutto perché il biglietto smarrito è stato trovato da uno sconosciuto benefattore!
La notizia è stata rilanciata anche dal New York Times.

Michael J. Weirsky: “Biglietto smarrito per colpa dello smartphone

Michael J. Weirsky, il fortunato protagonista della vicenda, ha candidamente ammesso di aver smarrito il biglietto da 273 milioni di dollari “per colpa” dello smartphone.
Ero concentrato sul mio cellulare quando ho appoggiato un attimo il biglietto per mettere via i soldi. Ho poi fatto ancora qualcosa con il telefono e me ne sono andato via“. “Sono molto grato – ha concluso Michael – che là fuori ci sia stata una persona onesta, perché pensavo di non trovare più il biglietto“.

(Fonti e approfondimenti: Facebook – Pagina ufficiale statistiche-lotto.it)

Comments

comments

This entry was posted on lunedì, Marzo 25th, 2019 at 10:53 and is filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

 
 

Switch to our mobile site