Prato capitale del gioco d’azzardo, seguono Sassari e Como

Condividi questa notizia:
Review of:

Reviewed by:
Rating:
5
On 27 Febbraio 2019
Last modified:27 Febbraio 2019

Summary:

Prato provincia italiana capitale del gioco d'azzardo nel 2017.

Prato è stata la provincia italiana in cui si è speso di più in gioco d’azzardo in Italia nel 2017.
Il Sole 24 ore ha elaborato i dati diffusi dall’ADM e ha stilato la classifica della spesa media pro capite nel gaming delle province italiane. In totale gli italiani nel 2017 hanno speso in gioco d’azzardo ben 101,7 miliardi di euro. Il dato è relativo a tutti i giochi con vincite in denaro basati sul caso: dalle video lottery alle slot machine, passando per scommesse sportive e di altro tipo, fino al Lotto, Superenalotto, Lotteria Italia, etc… . Il fatturato complessivo è una cifra astronomica, equivalente a tre manovre finanziarie. Circa 74,2 milioni di euro sono stati spesi nella provincia di Prato: ogni pratese, dunque, ha speso in media 672€. Con questo dato il capoluogo toscano si piazza al primo posto nella classifica delle provincie italiane con maggiore spesa media pro capite nel gioco d’azzardo in Italia nel 2017.

La provincia di Prato seguita da quelle di Sassari e Como

Secondo i dati elaborati dal Sole 24 ore si gioca abbastanza anche nelle provincie di Sassari e Como, rispettivamente al secondo e terzo posto. Nella provincia di Sassari la spesa media pro capite è stata di 516€, mentre in quella di Como è stata 494€.
L’Italia è un paese di scommettitori e la Dea Bendata viene sfidata un po’ in ogni angolo del Belpaese. Ma è possibile conoscere le provincie più virtuose, quelle in cui si gioca di meno. Gli ultimi tre posti di questa speciale classifica sono occupati da Padova, Cagliari e Crotone. In queste tre provincie la spesa media pro capite si è mantenuta sotto i 220€.

(Fonti e approfondimenti: Facebook – Pagina ufficiale statistiche-lotto.it)

Comments

comments

This entry was posted on mercoledì, Febbraio 27th, 2019 at 09:49 and is filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

 
 

Switch to our mobile site